Ristrutturare o demolire e ricostruire?

La scelta per la casa di Loretta e Mirko:

ristrutturare o demolire e ricostruire?


La ristrutturazione dei fabbricati esistenti spesso pone fin da subito di sciegliere se intervenire mediante la ristrutturazione mantenendo le murature esistenti, oppure, preferire l’intervento di demolizione completa e successiva ricostruzione del fabbricato. Si riporta di seguito l’analisi economica dei lavori con l’obiettivo di identificare la differenza in termini di incidenza di costo tra le due metodologie di intervento. L’ipotesi è di ricostruire un fabbricato, con struttura lignea, con pianta di base di 100 mq, su due piani. Va evidenziato che l’edificio esistente ha la necessità di un intevento di rifacimento dei solai e della copertura. In marroncino sono indicati gli interventi che non risentono della metodologia di intervento:  l’incidenza degli impianti e dei serramenti è analoga, il cappotto deve comunque venir realizzato, i solai e la copertura comunque devono venir ricostruiti, ecc.

In azzurro si riportano le incidenze di costo delle lavorazioni non necessarie nel caso di intervento che prevede il mantenimento dell’esistente:

  • l’intervento di demolizione del fabbricato;
  • la realizzazione delle nuove fondazioni;
  • il rifacimento delle pareti.

Ristrutturare o Demolire e ricostuireNell’ipotesi di non intervenire minimamente sulle pareti portanti, il grafico sotto riportato indica che la scelta della demolizione e ricostruzione comporta un extra costo del 20% sull’intero costo dell’opera.

lorettamirco_incidenzaintervento

Tale extra costo diminuisce in modo significativo, fino anche ad annullarsi, nel caso in cui:

  • la progettazione richieda lo spostamento di fori;
  • la disposizione dei vani richieda lo spostamento di pareti;
  • le murature non siano idonee a resistere all’azione sismica.

In conclusione, quando la disposizione dei vani esistenti deve venir razionalizzata risulta, pertanto, più vantaggioso intervenire mediante demolizione e ricostruzione. Al vantaggio economico e alla razionalizzazione degli spazi,  si accompagna la maggior qualità strutturale, anche ai fini della resistenza all’azione sismica.